• Pagamento Alla Consegna

    Puoi pagare direttamente in contanti al corriere

  • Consegna gratis per ordini superiori ai 75€

    Spedizione entro le 17.00 per i prodotti disponibili

  • Pacco anomimo

    Nessuno saprà cosa ordini, neanche il corriere

Tinea Cruris: Tutto quello che devi sapere

La tinea cruris è una delle infezioni micotiche dell'inguine. Oltre ad essere facilmente trasmissibile, questo tipo di infezione fungina è causata appunto da funghi e può essere molto fastidiosa e arrecare prurito. Le conseguenze di questo disagio sono anche psicologiche, mettendo in dubbio la serenità dei rapporti sociali e intimi, vista la zona particolare in la tinea cruris si sviluppa. Come sempre, non bisogna disperarsi nè permettere che il malumore prenda il sopravvento. Il primo passo verso la guarigione e il benessere, infatti, consiste nella conoscenza e comprensione di ciò che momentaneamente ci impensierisce. Dunque, vediamo meglio di che cosa si tratta.

Cos’è la Tinea Cruris

La tinea cruris è un tipo di dermatofitosi ed è causata principalmente da miceti della specie Trichophyton. Questa infezione della pelle è molto più comune negli uomini perché l’umidità può rimanere facilmente intrappolata tra lo scroto e la coscia. Come molte altre infezioni micotiche, anche questa patologia si sviluppa più frequentemente nei climi caldi o quando si indossano indumenti aderenti e bagnati. Anche gli obesi sono soggetti a rischio perché le pieghe della pelle favoriscono il formarsi dell’umidità.

Tra le infezioni micotiche è anche conosciuta come prurito dell'atleta e spesso è causata dallo stesso tipo di fungo che provoca un'altra infezione micotica: la tinea pedis, o piede dell'atleta. Il fungo responsabile di queste patologie della pelle a volte può derivare da pregresse infezioni micotiche al piede. Una delle modalità di contagio, infatti, è l'autocontagio. Cioè molto spesso i materiali patologici vengono trasferiti da un punto all'altro della superficie corporea di uno stesso soggetto. Solitamente questo accade attraverso il grattamento, che provoca così la diffusione di queste infezioni della pelle ad altre zone del corpo.

La malattia si verifica quasi esclusivamente negli uomini adulti e a volte può accompagnare il piede d’atleta e la tigna. La tinea cruris può essere contagiosa e può essere trasmessa da una persona all’altra direttamente tramite contatto con la pelle o con gli indumenti infetti di chi già ne soffre. Spesso è meno grave rispetto ad altre infezioni da tigna ma può durare a lungo e può diffondersi anche all’ano, provocando prurito e ovviamente disagio.

La tinea cruris può avere anche altre cause, tra cui:

  • Lichen simplex cronico;
  • Eczema;
  • Pidocchi del pube;
  • Irritazione chimica.

Sintomi e manifestazioni della Tinea Cruris

L’infezione inizia nelle pieghe cutanee dell’area genitale, può diffondersi fino al tratto superiore della faccia interna della coscia e può anche presentarsi su entrambi i lati. Solitamente la Tinea Cruris non colpisce lo scroto o lo colpisce soltanto leggermente. La lesione che ne consegue è di tipo eritemato-squamosa bilaterale e simmetrica, con bordi arrossati.

Queste infezioni micotiche possono essere di forma subacuta o cronica e tendono a manifestarsi soprattutto in quelle condizioni di alta umidità che favoriscono la macerazione della pelle nella regione inguinale. Infatti sono molto diffuse nelle zone tropicali, calde-umide.

Questa patologia spesso ritorna, soprattutto tra le persone affette da onicomicosi o piede d’atleta. Infatti, come si è accennato, i funghi possono diffondersi da tali aree fino all’inguine semplicemente grattandosi. Le riacutizzazioni avvengono più spesso durante l’estate.

Il prurito è il primo e più fastidioso sintomo che può fare pensare alla Tinea Cruris. Si nota subito un arrossamento dell'area che presenterà una eruzione cutanea di colore rosso intorno all'inguine, a forma di anello. Se questa infezione fungina peggiora, la zona affetta aumenterà di dimensioni e potrebbero svilupparsi nuove piaghe. La pelle tende a desquamarsi. L'eruzione cutanea ha bordi rossi e appare sollevata, simile ad una placca. Possono essere presenti piccoli brufoli che, al loro centro, presentano squame secche e rossastre. Questo infezione fungina può essere molto pruriginosa e dolorosa.

Cura e prevenzione della Tinea Cruris

Solitamente il medico diagnostica questa infezione fungina considerando l’aspetto della pelle. In genere i test non sono necessari. Quando lo sono, per confermare la diagnosi è sufficiente effettuare una biopsia della lesione cutanea tramite raschiamento.

Il trattamento comprende farmaci antimicotici applicati direttamente sulle aree interessate o a volte assunti per via orale. I farmaci antimicotici assunti per via orale, possono aiutare le persone con infezioni della pelle diffuse che causano infiammazione difficili da curare.

La tinea cruris di solito risponde alla terapia entro un paio di settimane mentre le infezioni micotiche gravi, frequenti o che durano più di due settimane, possono richiedere ulteriore trattamento. Gli antibiotici possono essere necessari per curare le infezioni batteriche che si verificano in aggiunta ai funghi, per esempio originate dai graffi dovuti al grattamento.

Possono insorgere le seguenti complicazioni:

  • Cambiamento permanente del colore della pelle della zona;
  • Infezioni batteriche secondarie della pelle;
  • Effetti collaterali dei farmaci.

Per prevenire questa fastidiosa patologia, si consiglia:

Mantieni una corretta igiene intima per prevenire e guarire nel caso di infezione già presente.
Lava con cura e mantieni sempre asciutta la zona infetta almeno un paio di volte al giorno
Cambia quotidianamente la biancheria intima e utilizza vestiti larghi che lasciano traspirare la pelle
Non usare asciugamani altrui per evitare di diffondere la Tinea Cruris
Utilizza prodotti naturali a base della pianta di Manuka

Fortunatamente negli ultimi anni la ricerca scientifica legata ai rimedi naturali ha raggiunto risultati ragguardevoli anche nel trattamento delle infezioni della pelle come la Tinea Cruris o la scabbia. Prodotti a base di olio essenziale di manuka come Pure East Cape Manuka Oil, per esempio, è stato appositamente ideato dal Team Manuka Natural per sfruttare le proprietà anti-batteriche degli ingredienti botanici nel supporto del sistema immunitario contro le più comuni infezioni micotiche. Può essere utilizzato in totale sicurezza anche per contrastare i diversi disagi dovuti a verruche e funghi. Questo olio essenziale, concentrato al 100%, è un prodotto di alta qualità prodotto dalla distillazione a vapore di piante selvatiche di Manuka, ben conosciuta per le sue proprietà di contrasto ai batteri. Semplicissimo da usare, si può applicare direttamente dal dosatore sull'area da trattare, oppure, per le pelli particolarmente delicate, diluirlo con altri oli vegetali.

Se hai una necessità imbarazzante che ti crea difficoltà e di cui non vuoi parlare agli altri come la Tinea Cruris o la Tigna, ShytoBuy è il tuo alleato discreto e affidabile, sempre al tuo fianco per offrirti efficacia, altissima qualità, sicurezza e rispetto della tua privacy.