Depilazione Definitiva

Sempre più donne e uomini ricorrono alla depilazione definitiva nei centri estetici o anche nella comodità di casa grazie agli enormi passi avanti della tecnologia applicata al settore. Per depilazione definitiva si intende la rimozione permanente dei peli attraverso una sorgente di luce laser che, grazie ad una lunghezza d’onda selettiva, fotocoaugula i peli ed il loro follicolo pilifero.

• Il pelo e le fasi di crescita • Come avviene la depilazione
• Metodi di depilazione ed epilazione non definitivi • Metodi di depilazione definitiva

In questa pagina verranno fornite tutte le informazioni riguardanti le tecniche di depilazione ed epilazione con particolare attenzione alla depilazione definitiva. I termini depilazione ed epilazione vengono spesso confusi nel linguaggio comune, anche se il loro significato non è lo stesso: la prima riguarda solo il taglio della parte del pelo che emerge dalla superficie cutanea, mentre la secondo si riferisce all'estirpazione del pelo vera e propria. La depilazione definitiva è una scoperta tecnologica relativamente recente, ma l’uomo ha da sempre cercato delle tecniche che rendessero possibile la depilazione. Prima di fornire delle informazioni più specifiche riguardo le ultime tecnologie disponibili per la depilazione definitiva vengono fornite delle informazioni generali sul pelo e sulle sue fasi di crescita in modo da capire meglio come avviene la depilazione e come funzionano i prodotti per la depilazione.

Il pelo e le fasi di crescita

La superficie cutanea, tranne la zona palmare, plantare e le pseudomucose, sia nell’uomo che nella donna, è ricoperta di peli. Nella donna si ha, solitamente, una sottile peluria che talora può infittirsi e dare luogo alla formazione di veri e propri peli inestetici. Nell’uomo, invece, la situazione è molto variabile da caso a caso, anche se solitamente la cute dell’uomo presenta una peluria più fitta che nella donna ed ha volte può manifestarsi in zone del corpo non gradite come spalle e schiena. La depilazione definitiva deve tenere presente però il ciclo vitale del pelo che è composto da tre fasi:

  • Anagen (fase di crescita) : si forma una nuova matrice del pelo che, dopo aver preso contatto con la papilla sottostante, si riporta nel derma in modo che il nuovo pelo sviluppandosi allontana il pelo vecchio
  • Catagen (fase di maturità) : il pelo cresce lungo il canale follicolare
  • Telogen (fase di riposo con successiva caduta) : il pelo emigra verso la superficie

Le tre fasi non sono sincrone per tutti i peli, per cui sono presenti contemporaneamente peli nelle varie fasi. Conseguentemente, nessun tipo di depilazione definitiva esistente può eliminare, in una solo seduta, tutti i peli superflui, ma ogni seduta ne riduce il numero indebolendo progressivamente i peli stessi. Pertanto per ottenere buoni risultati di depilazione definitiva occorrono diverse sedute.

Come avviene la depilazione

Il pelo nasce da una particolare struttura della pelle, detta follicolo pilifero: qui è presente la vera e propria radice del pelo, la parte viva di esso. Nel pelo distinguiamo una parte libera detta fusto una parte impiantata nel derma, e le radici raccolte nel follicolo pilifero.

Per procedere ad una buona depilazione, si deve per prima cosa osservare bene i peli per notare quale direzione hanno in modo da poterli estirpare completamente senza romperli.

E' facilmente comprensibile che la depilazione è di breve durata, perché il fusto in breve tempo ricresce, ma è comunque una pratica di facile e svelta esecuzione, specie in tutti quei casi per cui sono controindicati altri metodi.

L'epilazione, invece, dura in media venti-trenta giorni, ma è una pratica piuttosto complicata specie per chi non è pratico, quindi maggiormente richiesta all'estetista. L'epilazione è molto efficace, ma non sempre è praticabile su tutte le pelli.

I termini depilazione ed epilazione non sono quindi sinonimi: la depilazione consiste nella rimozione del pelo a partire dal punto di emersione a livello della cute, l’epilazione invece consiste nella rimozione del pelo compreso il bulbo. Ovviamente i risultati migliori in termine di durata si ottengono con l’epilazione e non con la depilazione. Spesso però, nel linguaggio comune, i termini depilazione ed epilazione vengono confusi ed usati come sinonimi.

Metodi di depilazione ed epilazione non definitivi

Crema depilatoria: rimuove i peli grossi ed è indicata per la depilazione di gambe, viso, inguine. Il vantaggio principale è una ricrescita più lenta rispetto alla rasatura e l’assoluta mancanza di sensazioni dolorose. La crema depilatoria è un trattamento indolore e comodo da utilizzare.

Depilazione con lama: rimuove tutti i peli e può essere effettuata con un rasoio elettrico o lametta. Si può presentare l’inconveniente dei peli incarniti.

Depilazione a strappo: è una tecnica di rimozione dei peli grossi (ad esempio sopracciglia) effettuata con pinzetta. Viene usata per depilare piccole superfici ove compaiono alcuni peli rari ed isolati.

Ceretta a caldo: rimuove i peli grossi e i peli ricrescono in media dopo circa 20 giorni. Si possono ottenere risultati eccellenti. Dopo la sua applicazione, la superficie cutanea risulta completamente liberata dai peli superflui, liscia e compatta. E’ una tecnica solitamente dolorosa che va evitata ai soggetti con problemi vascolari.

Ceretta a freddo: è una tecnica dolorosa che rimuove i peli grossi e sottili, indicata per la depilazione di gambe e braccia. I peli ricrescono in media in 20-30 giorni.

Apparecchi elettrici: simili al rasoio sono costituiti da una spirale rotante che intrappola il pelo traendolo verso l’esterno. Il pelo viene estirpato fino al bulbo, ma nel caso di peli più sottili e corti l’apparecchio non è efficace poiché i peli sfuggono all’aggancio e si spezzano.

Metodi di depilazione definitiva

Elettrodepilazione: la soluzione definitiva si ottiene con l’elettrodepilazione chiamata anche diatermocoagulazione che viene realizzata mediante l’utilizzo di corrente elettrica continua o ad alta frequenza che, applicata al follicolo pilifero, trasformandosi in energia termica, determina la distruzione, con conseguente asportazione del pelo (tramite pinzetta) in esso alloggiato. E’ una tecnica consigliabile per il trattamento del viso, della pancia e dell’areola mammaria. Per ottenere risultati soddisfacenti in certi casi occorre mettere in programma un periodo di trattamento piuttosto lungo che varia in dipendenza della vastità delle zone da trattare e del tipo di pelo. Lo strumento consiste in un elettrodo sottoforma di ago collegato ad un generatore di corrente. Un cattivo uso dell’ago e un’intensità della scarica elettrica troppo forte può dar luogo a piccole macchie o cicatrici. Dopo il trattamento sarebbe bene disinfettare l’area ed applicare una crema antibiotica. Quattro sono le metodiche finora utilizzate:

  • idrolisi che consiste nella distruzione del follicolo pilifero attraverso l’applicazione alla radice del pelo di una corrente continua. L’azione dell’idrolisi è molto efficace, ma lenta e dolorosa
  • termolisi che distrugge il follicolo pilifero attraverso il calore prodotto dalla corrente ad alta frequenza
  • Flash che si basa sull’utilizzo di un apparecchio a termolisi con un dispositivo che consente all’ago di emettere una corrente ad alta intensità ma solo per frazioni di secondo
  • Blend che utilizza la corrente continua dell’idrolisi e quella ad alta frequenza della termolisi. L’alta frequenza agisce prima in modo da preparare la pelle, così da permettere alla corrente continua di diffondersi più facilmente bruciando tutto il follicolo pilifero

Elettrodepilazione definitiva con sonda: un’alternativa all’ago elettrico in quanto si serve di un’apparecchiatura elettronica fornita di una sonda che agisce alla radice del pelo in assoluta assenza di dolore. E’ un metodo che fonda la sua efficacia sulla contemporanea azione di più fattori tra i quali il calore dovuto alla radiofrequenza e l’uso, sulla superficie della pelle da trattare di estratti vegetali e oli essenziali che facilitano la penetrazione della corrente agendo da conduttori elettrici. 

I peli vengono in questo modo atrofizzati e poi rimossi con la ceretta. Dopo alcune applicazioni il pelo si assottiglia fino a scomparire definitivamente. Il tempo necessario per conseguire questo risultato varia da persona a persona a seconda della zona che si vuole depilare.

Laser: è l’ultimo ritrovato della tecnologia, l’unico trattamento progressivamente definitivo che con alcune sedute, permette di garantire l’effetto desiderato. Il laser è un fascio di luce monocromatico emesso ad una determinata lunghezza d’onda che attacca la melanina contenuta nei peli ed attraverso un processo di termolisi distrugge il bulbo pilifero. Poiché la melanina è presente in misure diverse si hanno risultati variabili da individuo ad individuo (si ottengono ottimi risultati su pelli molto chiare e peli scuri). Largamente impiegato è il laser a Diodo ( una fonte luminosa che emette nello specchio dell’infrarosso ) che permette di trattare tutti i tipi di pelle anche le più scure poiché non è la melanina che assorbe il raggio. 

È sempre consigliabile far precedere il trattamento di depilazione da una accurata visita da un dermatologo che valuterà l’eventuale necessità di effettuare ulteriori accertamenti. Questa tecnica per la riduzione permanente dei peli superflui può essere adatta a trattare tutte le aree del corpo, sia per la donna che l’uomo. 

La depilazione con laser diodico avviene senza danneggiare i tessuti circostanti in quanto il suo bersaglio selettivo è il bulbo pilifero che viene progressivamente distrutto. Quando il pelo viene raggiunto dalla luce laser, si avverte soltanto una leggera sensazione di calore. Non è possibile ottenere una depilazione completa in un’unica seduta in quanto occorre adeguarsi al ciclo di vita del pelo. Infatti il laser agisce unicamente sui bulbi piliferi attivi, cioè nella fase di crescita.

Per maggiori informazioni sui nostri prodotti per la depilazione clicca qui