• Pagamento Alla Consegna

    Puoi pagare direttamente in contanti al corriere

  • Consegna gratis per ordini superiori ai 75€

    Spedizione entro le 17.00 per i prodotti disponibili

  • Pacco anomimo

    Nessuno saprà cosa ordini, neanche il corriere

Acne Rosacea: di cosa si tratta e come curarla

Rossore costante, infiammazioni di occhi e palpebre, ispessimento della pelle… In poche parole, Acne Rosacea, un vero e proprio tormento! Sono in tanti a soffrire di questa malattia, si stima che solo in Italia ne sono affetti più di 3 milioni di persone.

Cos'è esattamente l'acne rosacea e come riconoscerla? Quali sono le cause e i rimedi della rosacea? Perché è difficile diagnosticarla? Sapere come riconoscerla può aiutare ad affrontare il problema ed evitare che diventi un disagio anche psicologico.

Questo tipo di acne colpisce soprattutto in età adulta e l'unica causa sicura di cui si è a conoscenza è l'ereditarietà. Essendo una malattia cronica, purtroppo, non esistono cure per debellarla definitivamente ma è possibile comunque tenerla sotto controllo, rivolgendosi ad un medico specialista ai primi segnali prima di andare incontro ad un ulteriore peggioramento.

L'acne rosacea: cosa è? Perché è difficile riconoscerla?

L'acne rosacea è una malattia cronica molto diffusa, troppo spesso sottovalutata e non diagnosticata. La difficoltà nel riconoscerla è causata dai sintomi che possono essere confusi per semplici irritazioni di una tipologia di pelle molto delicata o per una momentanea dilatazione dei capillari.

I sintomi, inoltre, possono essere equivocati con quelli di una normale acne, con la differenza che la prima si manifesta solitamente dopo i 30 anni, non prevede la presenza di punti neri e non scompare con l'età.

In linea generale, la rosacea si limita a colpire il viso e le categorie più colpite sono le persone di carnagione chiara e gli adulti dai 30 ai 60 anni. E’ stato riscontrato, inoltre, che ad essere più predisposte a tale malattia sono le donne, soprattutto in fase di menopausa.

Tale predisposizione è dovuta agli estrogeni, gli ormoni femminili che, se da una parte proteggono il sistema circolatorio, dall’altra ostacolano il ritorno del sangue dalla periferia al centro dando luogo ad un ristagno di quest’ultimo.

Come riconoscere l’acne rosacea

Come detto in precedenza, molto spesso si tende a non riconoscere da subito questa malattia a causa dei suoi sintomi molto simili a quelli di altri disturbi della pelle. Tuttavia, possiamo rintracciare i sintomi in:

  • Rossore
  • Infiammazione degli occhi e delle palpebre
  • Gonfiore del naso. Quest’ultimo si manifesta in particolare negli uomini
  • Ispessimento della pelle
  • Comparsa di piccole linee rosse sottopelle a causa della dilatazione dei vasi sanguigni
  • Comparsa di brufoli pieni di pus e piccole cisti

Le zone del viso ad essere maggiormente colpite sono fronte, naso, guance e mento. Tutti i sintomi della patologia possono apparire ad intervalli irregolari di tempo, scomparire per mesi interi o addirittura anni.

Come abbiamo già avuto modo di accennare, la malattia si estende anche a occhi e palpebre. In questo caso, non solo si presentano rossore e prurito ma anche secchezza, lacrimazione e la vista può offuscarsi.

Non riconoscerla e di conseguenza non affrontarla significa lasciare che si evolva per poi ripresentarsi in modo più aggressivo e di conseguenza sarà più difficile da trattare. Se non curata, nel tempo può portare ad un grave deturpamento del viso, soprattutto nella zona in corrispondenza del naso che diventa rosso e pieno di pustole.

Le cause e i rimedi per alleviare l’acne rosacea

E’ ora il momento di analizzare le cause che scatenano questa malattia cronica. Sebbene, come già accennato nell’introduzione, la rosacea sia ereditaria, dobbiamo tener conto di un altro fattore che è alla base della patologia.

Sulla nostra pelle vivono naturalmente gli acari e di questi, quello che ci interessa in questo argomento, è il cosiddetto Demodex, piccolo germe che può riprodursi in maniera smisurata se il sebo della cute è eccessivo. In questo modo i Demodex infettano la ghiandola dando il via alla malattia. Per ridurre gli acari che vivono sulla nostra pelle si consiglia di applicare prodotti topici sull’area interessata in modo di regolarizzare l’area della ghiandola del sebo.

Non esiste ancora un rimedio decisivo atto a sconfiggere questa malattia; possiamo, tuttavia, adottare una cura dell’acne rosacea in modo di alleviare i fastidiosi sintomi che compromettono anche la vita sociale di chi ne è affetto, causando disagio in pubblico oltre che gravare pesantemente sull’autostima.

A tal proposito, si raccomanda di seguire un corretto stile di vita. L’alimentazione è la prima a dover essere rivista. Da evitare assolutamente i cibi piccanti che non farebbero altro che peggiorare il rossore e prediligere invece un abbondante consumo di frutta e verdura fresca. Al bando, inoltre, le bevande alcoliche. Evitare l’esposizione prolungata al sole e proteggersi con lozioni delicate dagli agenti atmosferici come vento o sbalzi di umidità che aggrediscono la pelle.

Importantissima è anche la pulizia. L’ epidermide, infatti, essendo molto delicata necessita di prodotti specifici ad azione emolliente, lenitiva ed anti infiammatoria. Si consiglia l’utilizzo di detergenti non aggressivi e schiumosi e di sciacquare con acqua tiepida. Anche il modo di asciugarsi è importante. Occorre, infatti, utilizzare asciugamani molto morbidi e picchiettare leggermente sulla pelle.

Per le donne si consiglia un makeup leggero e adatto ad una pelle molto sensibile. Raccomandiamo di leggere attentamente gli ingredienti di ogni prodotto prima dell’utilizzo. Stesso discorso vale per ogni altro tipo di crema o lozione.

Inoltre, a seconda della gravità dei sintomi e della loro frequenza, esistono diverse soluzioni che sono in grado di alleviare la malattia e che solo il dermatologo potrà indicare. Parliamo di lavaggi antibatterici, antibiotici, chirurgia laser, luce pulsata. Talvolta è possibile una cura per l’acne rosacea applicando specifici antibiotici topici o da assumere per via orale. La presenza di brufoli pieni di pus può diminuire ma si rivela più difficile la scomparsa del rossore.

La chirurgia laser può invece essere applicata per il trattamento delle linee rosse sottocutanee, mentre alcuni pazienti ricorrono ad un vero e proprio intervento chirurgico per la rimozione di pelle in eccesso sul naso.

Può sembrare banale ma anche ricorrere ad un buon fondotinta può mascherare in parte il problema.

Oltre a questi, possono essere molto utili cure omeopatiche e terapie naturali. A tal proposito consigliamo un prodotto davvero innovativo, dalla formula potente ma al tempo stesso leggera per andare incontro alle esigenze di una pelle molto delicata e provata. Parliamo di Crema per Rosacea PyratineXR lozione clinicamente testata che favorisce la cura dell’acne rosacea, diminuendo il rossore e l’infiammazione.

Da ricordare, inoltre, Skinception™ Rosacea, potente siero studiato appositamente per combattere l’acne rosacea, riducendo il rossore e idratando la pelle in profondità. Grazie alla sua formula innovativa e al 100% naturale ritarda l’invecchiamento cutaneo.

Oltre a seguire i consigli sopra riportati, usa anche questi prodotti altamente innovativi. Noterai significativi miglioramenti e finalmente potrai sentirti sollevato e più determinato che mai nella cura della rosacea!