Pagamento Alla Consegna
Puoi pagare direttamente in contanti al corriere

Consegna gratis per ordini superiori ai 50€
Spedizione entro le 13.00 per i prodotti disponibili

Pacco anomimo
Nessuno saprà cosa ordini, neanche il corriere

Candida

Integratori per la Candida: funzionano?

La Candida è un problema comune tra le donne. A volte si presenta in maniera lieve, altre volte invece il dolore costringe a rinunciare anche all’intimità di coppia. Esistono però diversi rimedi per curarla e prevenirla, vediamo quali sono.

Caratteristiche della Candida

La Candida è un’infezione causata da un fungo, il Candida albicans, che piano piano comincia a proliferare nella vagina provocando fastidiosi disturbi. La flora batterica femminile vede questi batteri convivere normalmente nelle parti intime della donna. Il loro perfetto equilibrio determina la salute degli organi riproduttivi ma anche dell’organismo in generale. Quando questo equilibrio viene sconvolto, ecco che il corpo manda dei segnali che qualcosa non va e che dev’essere curata. La candidosi è una patologia molto frequente ma non pericolosa. L’importante è riconoscerla e trattarla nella maniera giusta.

Sintomi

Chi ha avuto la Candida almeno una volta nella vita sa benissimo riconoscerne i sintomi e trattarla per evitare che peggiori. Le prime avvisaglie si manifestano con dolore a livello della vulva, seguito da prurito e bruciore durante la minzione. A volte questo bruciore può essere scambiato per cistite, quindi è sempre bene procedere con un esame accurato per individuare il problema. Altro fastidioso problema causato dalla candidosi è il dolore durante i rapporti sessuali, che può condizionare l’intimità di coppia. Pochi in realtà sanno che la candidosi può interessare anche l’uomo con infiammazione del glande ed eruzioni cutanee come sintomi principali e più evidenti. Anche in questo caso è necessario approfondire con esami di laboratorio per escludere altre patologie.

Cause

Ci sono diverse cause che possono determinare la comparsa della candidosi. Prima su tutte è la scarsa igiene intima, collegata anche all’utilizzo di detergenti di bassa qualità. L’umido è l’habitat perfetto per la prolificazione dei batteri. Ecco perché è importantissimo asciugarsi bene dopo ogni doccia o bagno e soprattutto utilizzare prodotti non troppo aggressivi per la flora batterica. Pazienti che soffrono di immunodepressione o di diabete sono molto più inclini a contrarre la candidosi, allo stesso modo delle donne in gravidanza. Anche gli antibiotici possono indebolire l’organismo e alterare la flora batterica. Infine, avere rapporti sessuali con persone infette, o condividere con quest’ultime asciugamani e indumenti personali, può essere veicolo di trasmissione della patologia.

Rimedi

La Candida non è pericolosa per il sistema immunitario fino a che questo riesce a controllare la normale proliferazione dei batteri. Ecco perché è fondamentale riconoscere e trattare la candidosi nel modo corretto. Non appena si avvertono i primi disturbi si può procedere con un esame del sangue e delle urine che rileva la presenza di un’infezione. Per assicurarsi che sia Candida, è possibile eseguire un tampone vaginale. Una volta accertato il problema, il medico indica il trattamento più corretto, che può variare dall’utilizzo di farmaci in crema, compresse vaginali o antimicotici per via orale. Anche l’esercizio fisico è importante per aumentare gli effetti dei trattamenti e soprattutto per alleviare il dolore.

Integratori per la Candida

Un aiuto per combattere questi disturbi è rappresentato dagli integratori naturali per la Candida. Si tratta di probiotici che aiutano a regolare i livelli di batteri nell’organismo. Gli ingredienti di origine vegetale aiutano l’integrazione di vitamine e minerali per l’equilibrio e la salute del corpo. Il sistema immunitario si rinforza e le difese dell’organismo tornano a funzionare nel modo corretto. La pratica formulazione degli integratori in capsule permette di assumerli con regolarità e discrezione. La loro composizione naturale al 100% evita gli effetti collaterali, ma in ogni caso è sempre bene chiedere consiglio al proprio medico per eventuali reazioni allergiche ai componenti principali.

Altri Articoli Interessanti