Pagamento Alla Consegna
Puoi pagare direttamente in contanti al corriere

Consegna gratis per ordini superiori ai 50€
Spedizione entro le 13.00 per i prodotti disponibili

Pacco anomimo
Nessuno saprà cosa ordini, neanche il corriere

Sbiancamento dei Denti

I benefici del carbone attivo sul tuo sorriso

Conosciuto per le sue proprietà benefiche, il carbone attivo viene utilizzato per la naturale regolarità intestinale. Negli ultimi anni, invece, è stato messo in commercio un particolare tipo di dentifricio che sfrutta i benefici del carbone attivo per sbiancare i denti in maniera naturale. Ecco che cos’è e come funziona.

Caratteristiche del carbone attivo

Il carbone vegetale, o carbone attivo, è una polvere ottenuta principalmente dalla combustione del legno di pioppo, salice e betulla. Questo processo prevedere la carbonizzazione del legno a temperature molto elevate che sfiorano i 600° in atmosfera quasi priva di ossigeno. Dopo esser stato trattato, il carbone attivo acquisisce porosità aumentando la propria capacità “adsorbente”. L’adsorbimento è un fenomeno chimico-fisico che prevede l’accumulo di liquidi o gas sulla superficie di una determinata sostanza.

Proprio per queste sue caratteristiche, il carbone attivo è molto utile in ambito curativo per porre rimedio a problemi di gonfiore addominale, aerofagia, cattiva digestione e meteorismo. Inoltre ha un effetto disinfettante, particolarmente adatto per trattare i disturbi intestinali. In ogni caso è sempre opportuno consultare il medico prima di procedere con trattamenti fai da te che potrebbero non essere adatti al nostro organismo e peggiorare il problema.

Il carbone attivo per i denti

Oltre ai prodotti per il trattamento di problemi intestinali, il carbone attivo viene utilizzato per lo sbiancamento dei denti. La sua capacità adsorbente agisce sulle macchie che interessano lo smalto dentale e che nel tempo li ingialliscono. Inoltre, le sue proprietà antinfiammatorie aiutano a riequilibrare la flora batterica e a combattere i disturbi gengivali. Il carbone attivo è spesso arricchito dall’olio di cocco, altro importante alleato per la salute dei denti.

In commercio, il carbone attivo sotto forma di dentifricio si presenta in un modo molto particolare. La sua pasta è di colore nero, non solo dentro al tubetto ma anche dopo esser stata spalmata sui denti. In un primo momento può fare impressione, ma non c’è alcun rischio che lo smalto dentale assuma una colorazione scura. Si utilizza come un normale dentifricio e, dopo lo aver spazzolato con cura entrambe le arcate, si lascia agire per qualche minuto. Dopodiché si procede con il normale risciacquo. Alcune persone sostengono di aver notato i primi risultati già dopo il primo utilizzo.

Controindicazioni

La cura dei denti è importante per la salute della nostra bocca. Ecco perché è fondamentale conoscere bene i prodotti che utilizziamo e sapere quali sono le loro controindicazioni. Il carbone attivo è una sostanza naturale dalle grandi proprietà benefiche, soprattutto se utilizzato come integratore minerale. Tuttavia non bisogna sottovalutare la sua capacità abrasiva. Quest’ultima potrebbe rovinare lo smalto dentale rendendo i denti molto più sensibili al freddo e al calore.

Il consiglio è quello di non utilizzare il dentifricio al carbone attivo più di una volta al giorno, e comunque mai per più di una o due settimane. Anche le setole dello spazzolino sono importanti, e non devono essere troppo dure ma piuttosto morbide. Inoltre bisogna spazzolare leggermente, soprattutto per non irritare le gengive o graffiare i denti. È sempre bene affidarsi al parere del dentista che saprà consigliare lo spazzolino e il dentifricio più adatti alle vostre esigenze. È comunque consigliato effettuare un controllo odontoiatrico prima di intraprendere qualsiasi metodo fai da te, per non rischiare di mettere a rischio la salute dei vostri denti.

Altri Articoli Interessanti