I risultati possono variare da persona a persona. Per maggiori dettagli clicca qui

Tigna: Informazioni utili

La tigna è una fastidiosa infezione degli strati superficiali della pelle. Ne esistono diverse forme tra cui, la tinea pedis o piede d'atleta che colpisce appunto la zona del piede e può creare fastidio e disagio. Conoscere meglio il tipo di tigna da affrontare è il primo passo verso la guarigione


•Cosa è e come si manifesta la tigna? • I diversi tipi di tigna

Cos'è e come si manifesta la tigna?

La tigna o tinea è una micosi cutanea superficiale, ovvero un'infezione della pelle causata da funghi. A provocarla sono i dermatofiti del genere Trichophyton, Microsporum ed Epidermophyton. Esistono diversi tipi di tigna. Per una corretta diagnosi è necessario ricercare i parassiti nei peli e nelle squame della pelle attraverso un esame micologico.

I diversi tipi di tigna

  • La tigna corporis. E’ quella infezione della pelle che colpisce le parti glabre del corpo. I dermatofiti che la causano sono, in genere, di provenienza animale. Le lesioni sono multiple, asimmetriche, hanno forma tondeggiante e limiti netti. Provoca chiazze della pelle che assomigliano a un eritema e tendono a desquamarsi.
  • La tinea pedis o piede d'atleta. Una forma particolarmente fastidiosa di tinea corporis è quella che colpisce la zona del piede e conosciuta appunto come piede d'atleta. Il piede d'atleta, più comune e più frequente nell'età adulta, si presenta con un'incidenza maggiore nella stagione estiva, poiché la sudorazione favorisce l'attecchimento dei miceti. Il contagio avviene solitamente in ambienti umidi e frequentati quali piscine, palestre e docce comuni, per via diretta e o mediata. Inizialmente il piede d'atleta si manifesta con desquamazione e macerazione ai lati delle dita e tra gli spazi intradigitali, solitamente colpendo il terzo e il quarto dito del piede. In seguito possono apparire lesioni vescicolose, e la malattia può estendersi anche al dorso e alla pianta del piede.
  • La tigna del pelo. Esistono due tipi di tigna del pelo: la tinea capitis e la tinea barbae, a seconda della zona colpita.
  • La tigna microsporica. E' la forma di tigna più diffusa tra i bambini. E' causata da Microsporum canis o Microsporum auoduoini, così chiamato perché il contagio avviene, solitamente, attraverso un contatto diretto o indiretto con animali infetti. La tigna microsporica si manifesta con chiazze sulla pelle tondeggianti del diametro di circa cinque o sei centimetri, ricoperte di squame bianco-grigiastre. I capelli appaiono, nella zona, spezzati e fragili. La guarigione avviene di solito spontaneamente senza lasciare cicatrici.
  • La tigna tricofitica. Sempre i bambini sono le vittime più frequenti di tigna tricofitica, in cui i miceti coinvolti sono di tipo Trichophyton. Il contagio avviene per contatto con altre persone infette o con animali domestici portatori dei miceti. La tigna tricofitica si presenta con piccole e numerose chiazze della pelle tondeggianti, finemente desquamanti e con margini netti. I capelli si interrompono poco al di sopra del punto di emergenza. La guarigione, anche in questo caso, può essere spontanea e senza cicatrici, a meno che non sia complicata da fenomeni di tipo infiammatorio. In questo caso permarranno cicatrici alopeciche, ovvero prive di capelli, che sono permanenti.
  • La tigna favosa. E’ dovuta al Trichophyton schoenleini, in Italia è rara e si manifesta con ammassi chiamati scutuli alla base dei capelli. La chioma appare rada, opaca, sporca. Gli scutuli hanno forma discoidale, sono giallognoli e hanno un odore caratteristico paragonabile a quello dell'urina di topo. La guarigione lascia cicatrici e aree alopeciche.