I risultati possono variare da persona a persona. Per maggiori dettagli clicca qui

Massaggio alla prostata

Il massaggio prostatico è famoso soprattutto per essere una pratica sessuale che nell'uomo procura molto più piacere della penetrazione. Utilizzata sia nell'antica Grecia che nel mondo romano, ha origini orientali ed è ancora molto in voga oltre oceano come pratica quotidiana. Ma forse solo in pochi sanno che il massaggio prostatico è ottimo per curare e prevenire infezioni prostatiche e tenere la prostata in salute.



• Stimolazione della prostata • Il massaggio prostatico come pratica sessuale
• Come si usa il massaggiatore prostatico • Consigli per l’uso

Stimolazione della prostata

La stimolazione della prostata attraverso il massaggio prostatico è una pratica utile per la salute, in quanto favorisce l'eliminazione dei residui che si accumulano nella prostata diminuendo la pressione sull'uretra che può essere causa di problemi prostatici e anche problemi di erezione.

La stimolazione della ghiandola prostatica permette infatti l'eliminazione dei liquidi che potrebbero infiammarla e, allo stesso tempo, migliora l'afflusso di sangue e di ossigeno alla zona pelvica. In caso di disturbi in fase non acuta, il massaggio prostatico può anche fornire un sollievo immediato dai sintomi dolorosi.

Ma non è solo una pratica utile nella prevenzione di gravi problemi quali le prostatiti, ma anche un buon modo per risvegliare il piacere sessuale maschile senza passare dalla stimolazione del pene.

Il massaggio prostatico come pratica sessuale

L'orgasmo prostatico, infatti, pare essere ben tre volte più intenso dell'orgasmo classico raggiungibile con la masturbazione o la penetrazione in quanto viene stimolata direttamente la parte adibita alla produzione del liquido seminale.

L'utilizzo di massaggiatori prostatici è quindi utile per stimolare la prostata, migliorarne lo stato di salute e ottenere orgasmi più intensi in modo pratico e igienico. In alternativa la stimolazione può essere effettuato dal partner tramite un massaggio con le dita.

Il massaggio alla prostata può avvenire in due modalità. Può essere praticato per via interna, cioè per via rettale, in quanto la prostata si trova nella zona sottostante alla vescica, oppure il massaggio prostatico può essere praticato per via esterna, andando a stimolare la zona esterna del perineo, ovvero il tratto di pelle che congiunge lo scroto e la zona anale.

Come si usa il massaggiatore prostatico

Esistono molti tipi di massaggiatori prostatici ed è facile trovare quello più adatto all’uso ma è caldamente sconsigliato l'utilizzo di oggetti non progettati appositamente per la stimolazione dell'area prostatico-perineale perché sono pericolosi e si rischiano lacerazioni e infezioni con complicazioni gravi.

Sia nel caso si utilizzi un massaggiatore sia nel caso si utilizzino invece le dita, l’inserimento nell'orifizio anale è a circa sette-otto centimetri di profondità per raggiungere la prostata; deve essere utilizzato un un buon lubrificante per evitare lacerazioni o dolore.

Se la pratica viene effettuata con delicatezza non vi sono controindicazioni e gli effetti benefici si riscontrano sin dal primo massaggio e aumentano all’aumentare della frequenza dei trattamenti.

Consigli per l’utilizzo

Un buon consiglio per scegliere il massaggiatore prostatico più adatto è quello di sceglierne uno creato in materiale resistente, senza parti che possano rompersi o danneggiarsi. È raccomandabile mantenere il massaggiatore sempre perfettamente pulito, in maniera che il massaggio alla prostata sia sempre confortevole. Per ragioni di igiene è buona norma non condividere il proprio massaggiatore con altre persone.

A differenza di quanto si pensi, il massaggiatore prostatico non è uno strumento legato solamente omosessuale: il piacere provocato dal massaggio alla prostata non dipende dai gusti sessuali, ma è il risultato della diminuzione della pressione sulla prostata e della stimolazione delle terminazioni nervose. Per questo motivo, è bene iniziare gradualmente, senza movimenti bruschi e accompagnando l’utilizzo con lubrificanti a base d’acqua oppure olii profumati.

Benefici del massaggio prostatico

Molti sono i benefici conclamati di questa pratica, oltre al semplice raggiungimento dell’orgasmo.

  • Aiuta a ridurre i problemi di erezione
  • Stimola un maggior afflusso sanguigno a ghiandola e perineo
  • Aiuta a ridurre i problemi legati all’ingrossamento della prostata
  • Riduce o rimuove i sedimenti prostatici
  • Riduce il rischio di prostatite, cancro alla prostata e dolore genitale
  • Stimola una maggiore coscienza del piacere maschile, spesso relegata ai genitali esterni