I risultati possono variare da persona a persona. Per maggiori dettagli clicca qui

Informazioni per abbronzarsi in tutta sicurezza

Tutte le informazioni sui pericoli del sole e i consigli utili per abbronzarsi correttamente senza scottature, eritemi o danni per la pelle. La parte più dannosa del sole sono i raggi ultravioletti che arrossano e bruciano le pelle se non trattata correttamente. Le regole base sono scegliere una protezione solare adatta al proprio fototipo, bere tanta acqua e applicare una crema idratante dopo l'applicazione.


• Quali sono i pericoli del sole? • Conoscere il proprio fototipo
• Quali sono i fototipi?

Per ottenere correttamente una sana abbronzatura bisogna non solo sapere come abbronzarsi correttamente e che esistono in commercio diversi prodotti che aiutano a trovare il colorito che vogliamo, ma qual è il fototipo della propria pelle, perché la luce solare può rappresentare un pericolo.

Quali sono i pericoli del sole?

La parte della radiazione solare che è dannosa per la nostra pelle sono i raggi ultravioletti; non possiamo vederli se non dopo un'esposizione al sole, quando la nostra pelle è rossa.

Gli ultravioletti sono suddivisi in tre tipi:

1. UVC: sono fermati dall'atmosfera e non raggiungono la superficie terrestre; provocano gravi scottature;

2. UVB

3. UVA: abbronzano, provocano eritemi e scottature e sono correlati a un aumento di rischio per i tumori della pelle.

La permanenza al sole per un periodo più o meno prolungato (la variabilità è soggettiva) può provocare, in particolare se la pelle non è già abbronzata, la comparsa dell'eritema solare, cioè il tipico arrossamento della cute spesso accompagnato da bruciore e/o edema (gonfiore) della zona interessata.

Se l'esposizione è stata particolarmente intensa, si può avere anche la comparsa di vescicole o bolle seguite da erosioni (ustioni solari). Inoltre l’eccessiva e non protetta esposizione ai raggi solari provoca il cosiddetto effetto foto-invecchiamento che si manifesta con un aumento dello spessore, della secchezza e della rugosità cutanea e una riduzione dell'elasticità, accompagnata dalla comparsa di macchie ad altre lesioni della pelle tipici dell’età avanzata.

Conoscere il proprio fototipo

Una buona abbronzatura deve evitare tutti gli effetti negativi derivanti dall’esposizione al sole ma, per questo, è necessario conoscere il corretto fototipo della propria pelle per sapere quali prodotti utilizzare per la protezione, quando esporsi al sole, e come curare eventuali eritemi.

I soggetti più sensibili all’esposizione al sole e all’eritema solare sono i bambini, gli anziani e i soggetti di carnagione chiara con lentiggini e capelli biondo-rosso, questo è molto importante per determinate il fototipo pelle.

Quali sono i fototipi?

fototipo indica come la cute reagisce all'esposizione al sole in base al colore della pelle, dei capelli, alla comparsa di eritemi e all'attitudine ad abbronzarsi.

Si possono distinguere 6 differenti tipi di pelle (fototipi):

Fototipo 1 (quasi albino);

Fototipo 2 (pelle molto chiara);

Fototipo 3 (pelle mediamente chiara);

Fototipo 4 (pelle abbastanza scura);

Fototipo 5 (pelle molto scura);

Fototipo 6 (individui di colore).

Ovviamente più basso è il fototipo maggiori saranno le probabilità di scottarsi, e maggiore sarà il rischio di danno alla pelle da esposizione solare. Queste informazioni sono utili naturalmente per poter scegliere le migliori creme solari per proteggersi e ottenere un’abbronzatura sana. Scopri di più riguardo ai fototipi di pelle e all'abbronzatura