I risultati possono variare da persona a persona. Per maggiori dettagli clicca qui

Come abbronzarsi correttamente

Con il primo sole e il primo caldo aumenta la voglia di vacanza e di tintarella ma è essenziale seguire alcune regole base su come abbronzarsi correttamente senza provocare danni permanenti alla pelle. Se non ben idratata prima e dopo l'esposizione, la pelle può invecchiare precocemente o subire scottature ed eritemi che possono lasciare segni indelebili permanenti.


Consigli per una corretta abbronzatura

Per abbronzarsi in tutta sicurezza è opportuno seguire le raccomandazioni dei dermatologi sull'importanza di una protezione adeguata dai raggi ultravioletti.

Le regole base sono:

1. L'utilizzo di creme protettive, da riapplicare periodicamente, soprattutto dopo eventuali bagni in mare o in piscina, è essenziale per abbronzarsi senza correre il rischio di rovinarsi la pelle.

2. L'esposizione prolungata ai raggi solari durante le ore centrali della giornata è sempre da evitare, per il maggiore pericolo di scottature ed eritemi. Conoscere il proprio fototipo può aiutare a conoscere utili informazioni per abbronzarsi in tutta sicurezza

Molti temono che, seguendo queste regole, si finisca per non abbronzarsi affatto. Nonostante le molte informazioni disponibili sono ancora tanti i luoghi comuni da sfatare in tema abbronzatura.

Come abbronzarsi? Luoghi comuni da sfatare

1. Fare qualche lampada prima di andare al mare, pensando così di potere evitare le scottature, non è particolarmente utile. L'abbronzatura che si ottiene in questo caso, infatti, è solo superficiale, e non protegge la pelle allo stesso modo di quella ottenuta esponendosi al sole.

2. L'utilizzo di autoabbronzanti, allo stesso modo, regala una colorazione superficiale alla pelle, ma non stimola la produzione di melanina. Per stimolare la produzione di melanina e abbronzarsi quindi senza scottarsi, è utile fare ricorso agli appositi integratori. La crema solare andrà utilizzata comunque, in quanto la melanina non protegge dall'invecchiamento cutaneo e dal rischio di tumori.

3. Per abbronzarsi non è necessario che la pelle diventi rossa. Il rossore indica solamente una esposizione al sole troppo prolungata per il fototipo di appartenenza. L'utilizzo di creme doposole aiuta a ripristinare il livello di idratazione ottimale della pelle, apportando una sensazione di sollievo. Non rimedia però ai danni provocati dalle scottature.

Come ottenere una abbronzatura omogenea?

1. L'ideale è utilizzare prodotti esfolianti, come uno scrub, prima di cominciare a prendere il sole, per eliminare le cellule morte, e poi ripetere l'operazione periodicamente per tutto il periodo estivo. Lavare o sfregare la pelle non cancella l'abbronzatura; l'utilizzo dei prodotti corretti aiuta anzi a ottenere un colorito più luminoso.

2. Ricorrere a creme con un fattore di protezione alto non impedisce alla pelle di abbronzarsi. Queste creme proteggono anzi l'integrità della cute e permettono di conservare l'abbronzatura a lungo e di proteggere la pelle dai segni dell'invecchiamento.

3. Ridurre leggermente il fattore di protezione è possibile quando la pelle inizia a cambiare colore diventando più scura, ma senza mai eliminare del tutto lo schermo protettivo della crema solare.

Non sei ancora soddisfatto? Scopri i dieci consigli per un'abbronzatura perfetta!