I risultati possono variare da persona a persona. Per maggiori dettagli clicca qui

Cos'è l'alopecia e come si manifesta

L’ alopecia colpisce gli uomini, in modo più evidente, ma anche le donne… Questa pagina fornisce informazioni sull’ alopecia e sulle cause che portano a quella che viene comunemente denominata calvizie androgenetica, sia con riguardo a mondo maschile che a quello femminile.


• Cos'è la aleopecia • Alopecia maschile
• Alopecia femminile • Cause Comuni
• Alopecia Areata • Trattamenti farmacologici

Cos’è la alopecia

L’alopecia è la forma più comune di calvizie e diradamento dei capelli, s’instaura lentamente e, se non presa in tempo, può diventare irreversibile. La calvizie androgenetica non è solo una questione di poca energia che giunge al bulbo, vi sono molte altre cause che intervengono e influiscono. L’alopecia è il tipo di calvizie da cui è affetta la stragrande maggioranza di persone che soffrono di caduta di capelli tra cui circa il 60% di uomini. Essa consiste in una progressiva miniaturizzazione e superficializzazione dei follicoli dei capelli che diventano quindi più fragili e sottili fino a cadere. Esiste una predisposizione all'alopecia androgenetica determinata, per l’appunto, geneticamente. Ciò che molto probabilmente viene trasmesso sono gli enzimi interessati alla conversione ed alla captazione degli ormoni androgeni, ovvero: le due forme isoenzimatiche della 5-alfa-reduttasi (tipo 1 e tipo 2), la P 450 aromatasi ed il recettore citosolico degli androgeni.

Tratti dell'Alopecia maschile

Negli individui predisposti all’alopecia androgenetica maschile, la caduta di capelli può iniziare in qualsiasi momento dopo la pubertà, quando i livelli sierici di androgeno iniziano ad aumentare ma, più in generale, inizia verso i 18 anni fino a che l'assottigliamento dei capelli rende verso ai 20 anni i segni di calvizie più evidenti. Oltre alla forma classica c’è poi un’altra forma più lenta che inizia verso i trenta anni e progredisce lentamente.

La calvizie maschile si delinea in particolar modo lungo la linea dell’attaccatura dei capelli e delle tempie e sul vertice del capo, definito “calvaria” mantenendo quasi in tutti i casi una fascia di capelli lungo le tempie e la nuca. Esistono vari modi di definire la gradazione di calvizie maschile, uno dei più tecnici è la Scala Hamilton-Norwood, introdotta negli anni ’50 e modificata negli anni ’70.

Tratti dell'Alopecia femminile

L’alopecia androgenetica femminile si riscontra, in modalità differenti, in un’altissima percentuale di donne di tutto il mondo: secondo i dati ufficiali, questa condizione interessa circa 4 milioni di donne italiane. Solitamente, che sia più evidente o meno, essa appare in tre fasi di picco:

  • Pubertà
  • Gravidanza
  • Dopo la menopausa

L’alopecia femminile non si riscontra in concomitanza con problemi ormonali: solamente 1 donna su 3 con alopecia è in realtà toccata da problemi legati a un eccesso di ormoni androgeni. Nella donna la calvizie si manifesta in maniera maggiore sull’area del vertice della testa e in modo minore lungo le zone parietali. Solitamente si parla di calvizie androgenetica femminile quando si riscontra un assottigliarsi progressivo dei capelli e una caduta aumentata (maggiore di 100 capelli al giorno). Nelle donne, una causa ricorrente è la Sindrome dell’Ovaio Policistico (PCOS) che è probabilmente uno dei pochi casi in cui l’alopecia femminile è soggetta a iperandrogenismo.

Cause comuni dell’alopecia

La calvizie, sia maschile che femminile, ha diverse tipologie di cause come spesso succede ai grandi cambiamenti del nostro corpo. Spesso le cause finiscono per unirsi e generare il problema. Vediamo assieme alcuni delle più comuni cause scatenanti.

  • Cause dovute agli ormoni - Spesso problematiche legate alla tiroide, alle ghiandole surrenali o, più genericamente, all’apparato endocrino che regola gli ormoni, possono creare problemi di caduta dei capelli.
  • Cause di tipo genetico- La genetica è la causa più normale dell’alopecia, detta infatti anche “calvizie androgenetica”, il tratto genetico che la attiva si trova sul Cromosoma X, per questo colpisce in maggioranza gli uomini (circa 62%).
  • Cause farmacologiche - L’utilizzo di un determinato tipo di farmaci, tra cui antidepressivi e cure per problemi di cuore, può determinare una periodica caduta dei capelli: basti pensare al trattamento chemioterapico.
  • Cause psicologiche- Stress, ansia e traumi possono causare problemi di alopecia. Sicuramente è una tra le cause più frequenti, specialmente a causa dello stile di vita, della solitudine e dei ritmi lavorativi che spesso si fanno insostenibili.
  • Alimentazione - Un’alimentazione non equilibrata, povera di vitamine e sali minerali può celarsi dietro ai sintomi di caduta dei capelli, quindi mai sottovalutare l’importanza di una dieta corretta e ricca di principi nutrizionali.

Alopecia Areata

L’Alopecia areata è una tipologia di calvizie che avviene quando il sistema immunitario attacca per errore i follicoli dei capelli, proprio là dove la crescita dei capelli inizia. Il danneggiamento, per fortuna, non è sempre totalmente irreversibile e può colpire uomini e donne in egual misura, apparendo però più comune sotto i 20 anni. Circa il 10% di chi soffre non ha riscontrato più nessuna ricrescita in seguito.

Cosa succede con l’alopecia areata?

Solitamente inizia con la caduta di un’intera ciocca o di un’area di capelli che lascia il cuoio capelluto completamente nudo e liscio. In alcuni casi i capelli diventano molto sottile, senza la visibilità di una particolare area del capo. La normale routine, in caso di alopecia areata è la caduta e la ricrescita successiva dei capelli nei mesi seguenti che si ripropone in diverse aree della testa in più tempi successivi. Questa problematica può essere permanente nei seguenti casi:

  • Ci sono episodi dello stesso problema in famiglia
  • Si soffre del problema da bambini o per più di un anno
  • Si soffre di Sindrome da Immunodeficienza
  • Si soffre di Ipertiroidismo o Diabete
  • Si soffre di forti allergie

Trattamenti farmacologici dell’alopecia

Nonostante per molti specialisti l’atteggiamento migliore nei confronti della calvizie sia quello di accettare che non ci sia nulla da fare, esistono invece molti trattamenti sia farmaceutici che naturali di provata efficacia. Negli ultimi quindici anni i due principi più utilizzati per trattare la calvizie sono:

Minoxidil – Solitamente utilizzabile in applicazione topica nella formula Minoxidil 2% o 5%, non necessita di prescrizione medica. I prodotti a base di questo principio vengono utilizzati per l’alopecia nei primi stadi, per vedere effetti completi del principio bisogna applicarlo per almeno 6 mesi.

Finasteride – Acquistabile solo dietro prescrizione medica, la sua dose giornaliera è di 1mg e va assunto indefinitivamente ma i suoi risultati sono visibili dopo i sei mesi. Sono state riscontrate numerose controindicazioni.

È sempre importante specificare che i farmaci comportano sempre un minimo rischio di effetti collaterali, nel caso si volessero evitare, ci si può affidare a prodotti naturali come quelli descritti nel paragrafo più sotto.

Fitoterapia contro la calvizie

Molte piante possono aiutare la salute e lo stato dei capelli, in questo senso le loro proprietà possono essere utilizzate in ottica fitoterapica tramite impacchi, infusi e frizioni. Interessanti le proprietà naturali della Clorofilla, del tè verde, del ginko biloba e dell’aloe vera: questi estratti aiutano a rafforzare la struttura del capello, rendendolo più resistente e forte, specialmente dopo trattamenti invasivi. Molto utili contro la produzione di sebo e le infiammazioni, le frizioni con olio essenziale di rosmarino, timo e lavanda. Da provare il decotto di ortica: una bevanda utile non solo per i suoi effetti sui capelli ma anche per la sua grande proprietà antiossidante.

Soluzioni naturali per l'alopecia

Esistono diversi metodi per cercare di combattere questo problema in modo naturale. Sono ormai presenti da molti anni sul mercato alcuni integratori per capelli che per la loro semplicità sono la scelta preferita da migliaia di italiani. In alternativa esistono anche diversi trattamenti laser anticaduta che hanno preso sempre più corpo negli anni recenti viste le continue innovazioni tecnologiche. Infine sono sempre molto scelti sia da uomini che donne gli shampoo anticaduta in quanto aiutano a combattere il problema della perdita di capelli attraverso prodotti di uso quotidiano. Si tratta infatti di normali shampoo ma le cui proprietà sono maggiori, per cui non solo forniscono un lavaggio essenziale ai capelli ma anche li rafforzano. In tutti questi casi si tratta di prodotti di qualità per aiutarti a risolvere il problema senza nessun rischio né controindicazioni.